MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER PROGETTO FINALIZZATO ALLA SOCIALIZZAZIONE …

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER PROGETTO FINALIZZATO ALLA SOCIALIZZAZIONE …

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI ENTI DEL TERZO SETTORE PER LA CO-PROGETTAZIONE DI UN PROGETTO FINALIZZATO ALLA SOCIALIZZAZIONE – SOSTEGNO – INTEGRAZIONE PARALAVORATIVA – INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO DI PERSONE DISABILI ADULTE 

IL FUNZIONARIO DELEGATO  DEL DIPARTIMENTO AFFARI GENERALI SETTORE DEL SOCIALE

Richiamate 

  • la Legge 328/2000 art. 8, che indica nei Comuni, singoli o associati, il soggetto responsabile della progettazione, gestione ed erogazione dei servizi e degli interventi rivolti alla grave marginalità;
  • la Legge Regionale 01 dicembre 2014, n. 32 recante “Sistema regionale integrato dei servizi sociali a tutela della persona e della famiglia capo IV gestione dei servizi e delle strutture” che al comma 5 dell’art. 17 prevede “Gli enti locali possono avvalersi del dialogo tecnico secondo gli orientamenti della comunità europea. A tal fine indicono istruttorie pubbliche nei casi in cui riconoscono l’utilità di co-progettare iniziative innovative o sperimentali per rispondere in modo adeguato a determinati bisogni sociali. La co-progettazione ha per oggetto la definizione progettuale di iniziative, interventi ed attività complesse, da realizzare in collaborazione tra progetto pubblico e soggetti del terzo settore individuati in conformità ad una procedura di selezione pubblica”;
  • la Legge n. 104/92, “Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate“;
  • il D.P.C.M. 30.03.2001 (Atto di indirizzo e coordinamento sui sistemi di affidamento dei servizi alla persona ai sensi dell’art. 5 della Legge 8 novembre 2000 n. 328), ove si prevede che – al fine di valorizzare e coinvolgere i soggetti del Terzo Settore, attivandoli non solo nella fase finale di erogazione e gestione del servizio, ma anche nelle fasi precedenti quali la predisposizione di programmi di intervento e di specifici progetti operativi – i Comuni possono indire istruttorie pubbliche per la co-progettazione di interventi innovativi e sperimentali su cui i soggetti del Terzo Settore esprimono disponibilità a collaborare per la realizzazione degli obiettivi; 
  • le “Linee guida per l’affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali” emanate dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) con Delibera n. 32 del 20 gennaio 2016 nella parte in cui illustra i principi della co-progettazione come espressione di partecipazione dei soggetti privati alle procedure di selezione pubblica, in cui sono saldi i principi di pubblicità, trasparenza, non discriminazione;
  • il Decreto Legislativo del 3 Luglio 2017, n. 117 con il quale è stato emanato il Codice del Terzo Settore, a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera b), della Legge 6 giugno 2016, n. 106, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 179 del 02.08.2017- Suppl. Ordinario n. 43 ed entrato in vigore il giorno successivo (03.08.2017);

Considerato che il D.Lgs. n. 117/2017 riconosce il valore e la funzione sociale degli enti del Terzo Settore, dell’associazionismo delle attività di volontariato quali espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo, e ne promuove lo sviluppo e l’apporto originale per il perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale anche mediante forme di collaborazione con lo Stato, le Regioni e gli Enti Locali e all’art. 56 prevede che possano stipulare con le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale, iscritte da almeno sei mesi nell’apposito registro, convenzioni finalizzate allo svolgimento in favore di terzi di attività o servizi sociali di interesse generale;

Rilevato che per un periodo di mesi 18 a far data dalla stipula di apposita Convenzione,  l’Amministrazione Comunale intende valorizzare il ruolo del “terzo settore” per la prosecuzione delle attività indicate nella seguente scheda progettuale: 

PROGETTO DI SOCIALIZZAZIONE – SOSTEGNO – INTEGRAZIONE PARALAVORATIVA – INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO DI PERSONE DISABILI ADULTE
Programmazione, organizzazione e realizzazione di attività/percorsi/laboratori finalizzati a favorire socializzazione – sostegno – integrazione paralavorativa – integrazione con il territorio di persone disabili adulte in età post obbligo scolastico, con disabilità non grave, di cui all’art. 18 della L. 104/92 e art. 16, comma 8. Le attività progettuali dovranno essere effettuate in idonei spazi nelle disponibilità del soggetto del terzo settore ubicati nel territorio comunale. Il soggetto del terzo settore dovrà promuovere, realizzare e gestire, secondo modalità integrate con i servizi socio sanitari territoriali, le attività legate al tempo libero per persone disabili adulte finalizzate alla realizzazione di percorsi integrati che rispondano in modo flessibile e personalizzato alle esigenze delle stesse. Le attività relative all’integrazione con il territorio sono vissute come spazio per soddisfare bisogni legati alla socializzazione, per valorizzare il piacere di fare le cose, per mettere al centro la persona con i suoi gusti e desideri. Il punto di forza quindi di queste attività è di rispondere alla richiesta di qualità della vita delle persone disabili. Le attività di socializzazione e di integrazione col territorio avranno lo scopo di arricchire ed integrare i progetti individuali delle persone disabili valorizzandone le capacità individuali, di favorire la cultura dell’integrazione, di concorrere ad attivare forme diverse di comunicazione ed espressione. Tali attività dovranno essere rivolte a persone disabili di norma adulte inviate dal Servizio Sociale del Comune di Osimo in accordo con l’UMEA AV2 Asur Marche. L’organizzazione del terzo settore dovrà inoltre proporre attività volte sia alla sperimentazione e/o mantenimento delle capacità paralavorative sia alla soddisfazione dei bisogni di socializzazione e la valorizzazione del saper fare le cose.  

In particolar modo dovranno essere svolte attività in coerenza con i P.A.I. e i P.E.P., formulati per i disabili inseriti nel progetto, dai competenti Servizi Territoriali (ASUR Marche – Area Vasta n. 2 – Unità Multidisciplinare per l’Età  Adulta e Servizio Sociale Comunale), volte all’acquisizione di abilità finalizzate all’avvio del disabile in contesti paralavorativi, di potenzialità per un futuro inserimento lavorativo o, per quei soggetti con limitate risorse personali dovranno essere garantiti percorsi di mantenimento delle potenzialità residue (es. laboratori esperienziali, attività di socializzazione diverse, piccoli lavori di assemblaggio, etc.)

RENDE NOTO

che, in esecuzione della Determinazione Dirigenziale n. ___ del ______, il Comune di Osimo – Servizio Servizi Sociali – intende raccogliere manifestazioni di interesse mediante Avviso Pubblico, al fine di individuare un soggetto del Terzo Settore con il quale stipulare apposita convenzione per la co-progettazione e realizzazione delle attività connesse al “Progetto di socializzazione – sostegno – integrazione paralavorativa – integrazione con il territorio di persone disabili adulte”.

La co-progettazione: 

• non è riconducibile all’appalto di servizi e agli affidamenti in genere, ma alla logica dell’accordo procedimentale, destinato a concludersi con un accordo di collaborazione tra ente procedente e soggetto selezionato.

• si configura come strumento fondamentale per promuovere e integrare la massima collaborazione fra i diversi attori del sistema, al fine di rispondere adeguatamente ai bisogni della persona e della comunità e come strumento potenzialmente capace di innovare anche le forme di rapporto più consolidate, poiché il soggetto del Terzo Settore che si trova a essere coinvolto nell’attuazione dei progetti viene a operare non più in termini di mero erogatore di servizi, ma assume un ruolo attivo rischiando risorse proprie e soluzioni progettuali.

L’accordo di collaborazione, previsto dall’art. 119 del D.Lgs. 267/2000, verrà stipulato in forma di convenzione, attraverso la quale vengono definite le modalità di realizzazione del servizio oggetto di coprogettazione in relazione ai reciproci rapporti.

1) Soggetti partecipanti

Il presente Avviso è rivolto ai soggetti del Terzo Settore, così come definito dal DPCM 30/3/2001 e dal D.Lgs. 117/2017 e successive modifiche e integrazioni, che abbiano sede e/o attività nel territorio del Comune di Osimo.

2) Requisiti generali e speciali di partecipazione

I Soggetti interessati, nella persona del Legale Rappresentante, dovranno dichiarare il possesso dei seguenti requisiti a pena di esclusione dalla presente procedura:

1. possedere i requisiti di idoneità morale e professionale per stipulare convenzioni con la Pubblica Amministrazione (assenza di motivi di esclusione, per quanto compatibili, di cui all’art. 80 del D. Lgs. 50/2016 e assenza di situazioni che, ai sensi della vigente normativa, possano determinare l’incapacità di contrarre con la Pubblica Amministrazione);

2. essere iscritte nei relativi Registri Regionali da almeno 6 mesi dalla data di pubblicazione del presente Avviso;

3. prevedere nello Statuto la realizzazione di attività a favore di persone con disabilità;

4. avvalersi nello svolgimento delle attività oggetto del presente Avviso, anche delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti;

5. avere una comprovata competenza ed esperienza nel settore della disabilità;

6. essere in regola in materia di contribuzione previdenziale, assicurativa e infortunistica, per tutti i soggetti che hanno una posizione INAIL o INPS attiva;

7. essere in regola con l’applicazione della normativa relativa alla sicurezza sul luogo di lavoro in materia di prevenzione infortunistica e di igiene del lavoro, nonché di rispettare le norme per il diritto al lavoro dei disabili;

8. dichiarare di non aver concluso contratti di lavoro subordinato o autonomo o di non aver conferito incarichi a ex-dipendenti del Comune di Osimo (nel triennio successivo alla cessazione del rapporto) che abbiano esercitato poteri autoritativi o negoziali, nei confronti del Soggetto interessato al presente Avviso, per conto del Comune di Osimo, negli ultimi tre anni di servizio;

9. dichiarare l’insussistenza di condanne penali, di procedimenti penali, anche pendenti, riferiti al legale rappresentante e associati con poteri decisionali;

10. dichiarare l’impegno a far rispettare ai propri dipendenti e/o collaboratori il Codice di comportamento in vigore per i dipendenti del Comune di Osimo con riferimento alle prestazioni oggetto della presente convenzione, per quanto compatibili con il ruolo e l’attività svolta;

11. impegnarsi ad assicurare, contestualmente alla sottoscrizione dell’Accordo di collaborazione di

cui al successivo art. 5, il personale dipendente o incaricato, i volontari (ex art. 18 D.Lgs.117/2017), nonché le persone destinatarie delle attività oggetto del presente bando, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento delle attività stesse, nonché per la responsabilità civile verso i terzi, esonerando il Comune di Osimo  da ogni responsabilità correlata a tali eventi. Il Comune di Osimo, nella fase istruttoria, si riserva di controllare la veridicità delle dichiarazioni rese e chiedere integrazioni o chiarimenti. In particolare il requisito di cui al punto 5) dovrà essere provato in sede di autocertificazione.

3) Destinatari

Destinatari delle attività di progetto sono adulti disabili residenti nel Comune di Osimo che non risultano idonei ad un percorso di inserimento o tirocinio lavorativo, in quanto persone caratterizzate da svantaggi (disabilità fisica e/o psichica) che limitano l’inserimento nel mondo produttivo.

Le persone coinvolte sono in possesso di autonomie cognitive e relazionali residue modeste e insufficienti a raggiungere un livello di professionalizzazione tale da consentire loro l’accesso a percorsi di inserimento o di tirocinio lavorativo.

4) Contenuti, finalità e obiettivi

Finalità principale del presente intervento è offrire percorsi/laboratori di socializzazione- sostegno – integrazione paralavorativa – integrazione con il territorio rivolti ai soggetti diversamente abili.  Tali attività sono finalizzate a creare sul territorio percorsi protetti per persone svantaggiate con ridotte capacità che ne rendono impossibile o comunque altamente improbabile l’inserimento nel mercato del lavoro. Il Laboratorio di integrazione paralavorativa si propone principalmente l’acquisizione dei prerequisiti lavorativi, di abilità pratico-manuali e di atteggiamenti, comportamenti, motivazioni e responsabilità simili a quelle di un ambiente di lavoro. La prospettiva delle persone frequentanti il laboratorio è quella di essere inseriti in un sistema così detto “para-lavorativo” che rispecchia, seppure in ambiente protetto, le caratteristiche, i tempi, i ritmi e le regole dell’ambiente di lavoro.

Il progetto in argomento si costruisce nel perseguimento dei seguenti obiettivi strategici:

– creare uno spazio socio/educativo/occupazionale/riabilitativo per adulti svantaggiati per ragioni fisiche, psichiche, sensoriali sociali con una riduzione importante della residua capacità lavorativa;

– offrire diverse macro-attività di tipo manuale e di affiancamento, inserendo il soggetto in un contesto protetto, con una fase di avvicinamento ed una di consolidamento della partecipazione attiva con il tutoraggio e la supervisione messi a disposizione dal soggetto ospitante;

– favorire il mantenimento e l’acquisizione di competenze mirate all’approccio lavorativo e utili allo sviluppo di autonomie personali, pratiche e cognitive sulla base di progetti individualizzati;

– sostenere l’integrazione sociale e la vita di relazione delle persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale residenti nel territorio del Comune di Osimo, attraverso un potenziamento degli interventi finalizzati a migliorale le opportunità di vita indipendente;

– facilitare autorealizzazione, autoefficacia e autostima della persona coinvolta.

5) Modalità di realizzazione

Il progetto dovrà accogliere le persone indicate dal Comune di Osimo in orario diurno, indicativamente dalle 3 alle 4 ore giornaliere di mattina e/o di pomeriggio.

Dovrà essere assicurata con continuità la presenza di operatori e/o volontari in numero adeguato alle capacità e competenze dei disabili coinvolti nell’attività per svolgere attività di accompagnamento, di relazione e di supervisione.

Per ogni utente verrà redatto un progetto personalizzato, condiviso tra i Servizi Sociali del Comune di Osimo, la competente Unità Multidisciplinare per l’Età Adulta (UMEA) dell’AV2 – ASUR MARCHE ed il soggetto del terzo settore che accoglie la persona e la persona stessa, che descriverà gli obiettivi concordati, le modalità di frequenza e quant’altro utile per lo svolgimento dell’attività.

I Soggetti interessati dovranno curare la completa gestione degli aspetti organizzativi ed amministrativi dei progetti e degli interventi proposti, mettendo a disposizione spazi, attività, attrezzature, figure educative e/o volontari.

Le attività dovranno essere svolte coerentemente ed in modo integrato con i mandati e gli orientamenti definiti dal Comune di Osimo, secondo le modalità operative concordate nella co-progettazione.

6) Linee guida per la redazione del progetto

Le ipotesi progettuali dovranno essere orientate indicativamente a creare un ambiente accogliente dove la persona inserita, attraverso lo svolgimento di piccole attività, acquisisca e/o mantenga abilità utili alla vita quotidiana, sia pratiche che relazionali, oltre che a sviluppare eventuali capacità per un successivo progetto personale potenzialmente orientato al lavoro.

Nel progetto proposto dovranno essere specificate:

– l’ubicazione, che dovrà essere nel Comune di Osimo e il possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti in materia di urbanistica, edilizia, sicurezza, assenza di barriere architettoniche;

– le attività proposte;

– l’orario giornaliero, settimanale e il periodo annuale di funzionamento;

– il personale e/o i volontari messi a disposizione;

– la capacità ricettiva massima;

– le modalità di rapporto e coordinamento con il Servizi Sociali del Comune di Osimo; 

– le modalità di monitoraggio dell’attività;

– gli aspetti di flessibilità e personalizzazione dell’intervento ed ogni altro carattere che possa contribuire a connotare l’offerta, in particolare ciò che il soggetto del Terzo Settore metterà a disposizione come parte di coprogettazione e pertanto esclusa dal rimborso dell’attività complessiva;

– i costi dettagliati del progetto.

7) Spese ammesse a rimborso

Le spese sostenute dal soggetto selezionato per lo svolgimento delle attività oggetto del presente Avviso e ammesse a rimborso, sono le seguenti:

  • spese necessarie al funzionamento della struttura sede delle attività di progetto (canoni di locazione, spese condominiali, utenze ecc.) comprese le eventuali spese di manutenzione ordinaria a carico del locatario;
  • costi lordi del personale dipendente e/o di eventuali incarichi professionali;
  • spese vive e documentate sostenute dai volontari e dal personale dipendente o incaricato (es.: carburante per uso vettura, trasporto mezzi pubblici, ecc);
  • rimborso della quota parte delle spese generali di funzionamento dell’Ente del Terzo Settore esclusivamente e tassativamente imputate allo svolgimento delle attività convenzionate;
  • oneri relativi alle spese assicurative, ex art 18 D. Lgs. 117/2017;
  • ogni altra spesa imputabile direttamente al progetto, con esclusione di qualsiasi attribuzione a titolo di maggiorazione, accantonamento, ricarico o simili.

Il Comune di Osimo, dopo aver dato corso alla procedura di selezione di cui al successivo punto 8) e individuato il Soggetto e/o i Soggetti che gestiranno le attività oggetto del presente Avviso, procederà alla coprogettazione propedeutica alla stipula della convenzione, previa verifica dell’effettivo possesso dei requisiti di cui al precedente punto 2).

La convenzione avrà una durata di n. 18 mesi a decorrere dalla data di sottoscrizione della stessa.

8) Procedura per la selezione.

Le richieste dei soggetti interessati saranno valutate da un’apposita Commissione, nominata con Determinazione del Dirigente del Dipartimento Affari Generali – Settore del Sociale del Comune di Osimo, successivamente alla scadenza della presentazione delle Dichiarazioni e del progetto di cui al punto 6).

I Soggetti che risulteranno in possesso dei requisiti richiesti all’art. 2, saranno valutati secondo i seguenti criteri:

Esperienza maturata in attività riguardanti le persone in condizioni di disabilità Fino a 2 anni – 1 punti

Fino a 4 anni – 2 punti

Fino a 6 anni – 3 punti

Fino a 8 anni – 4 punti

Oltre 8 anni – 5 punti 

Proposta organizzativa e gestionale degli interventi ed attività oggetto del presente avviso: verrà valutata la coerenza col modello di riferimento proposto, la capacità di sviluppo delle azioni sopra descritte, il personale impiegato Poco attinente – 1 punto

Mediamente attinente – 2 punti

Attinente – 3 punti

Presenza e utilizzo e modalità d’impiego del personale volontario Fino al 5% – 1 punto

Fino al 20% – 2 punti

Fino al 30% – 3 punti

Fino al 40% – 4 punti

Oltre il 40% – 5 punti

Proposta di modalità di collaborazione con i servizi sociali e sanitari e con la rete territoriale Poco attinente – 1 punto

Mediamente attinente – 2 punti

Attinente – 3 punti

Strategie per coinvolgimento attivo della persona Poco attinente – 1 punto

Mediamente attinente – 2 punti

Attinente – 3 punti

Definizione di piani formativi e di aggiornamento per i volontari e per il personale dipendente Poco attinente – 1 punto

Mediamente attinente – 2 punti

Attinente – 3 punti

Proposte di modalità innovative e sperimentali per la gestione delle attività oggetto del presente avviso, con particolare attenzione alle risorse messe a disposizione dal soggetto gestore quale contributo alla co-progettazione Poco attinente – 1 punto

Mediamente attinente – 2 punti

Attinente – 3 punti

Il progetto dovrà contenere tutti gli elementi di cui sopra e dovrà essere organizzato secondo l’ordine descritto.

Ai Soggetti non ammessi per mancanza dei requisiti verrà data comunicazione formale.

La procedura di selezione è ritenuta valida anche nel caso di presentazione di un unico Soggetto, ove il progetto presentato risulti idoneo e coerente rispetto a quanto indicato nel presente Avviso.

Il presente avviso ha scopo esclusivamente esplorativo e non comporta l’instaurazione di posizioni giuridiche ed obblighi negoziali nei confronti del Comune di Osimo.

9) Termini e modalità di presentazione delle Dichiarazioni e del progetto.

I Soggetti interessati sono invitati, nella persona del Legale rappresentante, a presentare apposita manifestazione di interesse a co-progettare gli interventi e le attività di cui al presente Avviso.

Contestualmente all’istanza di cui sopra il Legale rappresentante dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità, e valendosi delle disposizioni di cui agli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000, consapevole delle sanzioni previste dagli artt. 75 e 76 della medesima normativa per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci nonché delle conseguenze previste, il possesso dei requisiti di cui al punto 2).

Alla Suddetta Istanza/Dichiarazione dovrà essere allegato il progetto redatto tenendo conto di quanto definito dai punti 3-4-5-6.

I soggetti interessati dovranno presentare le dichiarazioni ed il progetto entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 31 Maggio 2021 con le seguenti modalità:

– invio per posta raccomandata A/R, all’indirizzo: UFFICIO PROTOCOLLO – COMUNE DI OSIMO – Dipartimento degli Affari Generali, dei Servizi Amministrativi e del Sociale – Settore Servizi Sociali – Piazza del Comune, 1 60027 OSIMO (AN)

– invio per posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo: comune.osimo@emarche.it (solo se provenienti da caselle di posta elettronica certificata).

10) Ulteriori informazioni

La documentazione inviata non sarà restituita e resterà acquisita agli atti del procedimento.

11) Responsabile del Procedimento 

È Responsabile del Procedimento il Funzionario con Delega Dirigenziale ex art. 17 DLGS 165/2001 Dott.ssa Alessandra Cantori ‐ Piazza del Comune, 1 – Comune di Osimo (AN)

email:  alessandra.cantori@comune.osimo.an.it

Il Comune di Osimo si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di revocare, modificare o annullare il presente Avviso pubblico, prima della scadenza, qualora ne ravvedesse l’opportunità per ragioni di pubblico interesse, senza che per questo i soggetti richiedenti possano vantare dei diritti nei confronti del Comune medesimo.

Si sottolinea altresì che la presentazione delle domande a valere sul presente Avviso comporta l’accettazione di tutte le norme contenute nello stesso.

Il Comune di Osimo si riserva, inoltre, la possibilità di apportare, con successivi atti, eventuali modifiche o integrazioni alle procedure descritte nel presente Avviso pubblico, a seguito di future evoluzioni della normativa applicabile.

12) Pubblicità

Il presente avviso sarà pubblicato nella homepage del sito istituzionale del Comune di Osimo http://www.comune.osimo.an.it/.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679    

La procedura in argomento comporta il trattamento dei dati personali, anche particolari, dei richiedenti da parte del Comune di Osimo.

Tale trattamento è finalizzato al reperimento di Soggetto del Terzo Settore con il quale convenzionarsi per la realizzazione del progetto in questione nell’ambito delle attività che il Comune di Osimo predispone nell’interesse pubblico e nell’esercizio dei pubblici poteri, in conformità alla disciplina in vigore, oltreché sulla base giuridica dell’interesse pubblico rilevante prevista dall’art 2 sexies comma 2 lett. s) e u) del D.lgs. 196/03 e smi.

Il trattamento è effettuato in modalità manuale e informatizzata. Il conferimento dei dati è obbligatorio per lo svolgimento del procedimento e, il mancato conferimento comporta l’annullamento del procedimento per impossibilità a realizzare l’istruttoria necessaria.

I dati raccolti sono quelli da forniti dal dichiarante con apposito modulo, e saranno elaborati dal personale del Comune di Osimo che agisce sulla base di specifiche istruzioni. I dati forniti possono essere comunicati ad altri soggetti così come previsto dalla legge e a soggetti nominati responsabili del trattamento per svolgere il servizio, oltreché ai soggetti che ne abbiano interesse ai sensi della legge 241/1990 e s.m.i., per l’adempimento degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni ai sensi del D.lgs. 33/2013.

I dati acquisiti nel corso della presente procedura saranno conservati per eventuali finalità di rendicontazione. Non sono previsti processi decisionali automatizzati né trasferimenti extra UE.

Il dichiarante può esercitare i diritti di cui agli artt. 15 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, ivi compreso il diritto al reclamo all’Autorità Garante: www.garanteprivacy.it.

Il Comune di Osimo è il titolare del trattamento dei dati. L’informativa completa e i dati di contatto del RPD sono disponibili presso il sito web del Comune di Osimo o presso gli appositi uffici.

Osimo, 14 maggio 2021

IL FUNZIONARIO DELEGATO EX ART. 17 D.LGS 165/2001
Dott.ssa Alessandra CANTORI

VEDI ALLEGATI

ALLEGATI