CONCERTO DI FISARMONICA

CONCERTO DI FISARMONICA

LIANA MAERAN, soprano
IVANO BATTISTON, fisarmonica

Francis Poulenc (1899 – 1963)
Les chemins de l’amour

Marie-Joseph Canteloube de Malaret (1879 – 1957)
da “Chants d’Auvergne”, volume I:

  1. La Pastoura als Camps (La bergère aux champs)
  2. Baïlèro (Chant de bergers de Haute-Auvergne) Trois Bourrées:
    1. L’aïo dè rotso (L’eau de source)
    2. Ound’ onorèn gorda? (Où irons-nous garder?)
    3. Obal, din lou Limouzi (Là-bas dans le Limousin)

Mattia Vento (1735 – 1776)
Largo
Allegro

Giovanni Battista Pergolesi (1710 – 1736)
Stizzoso, mio stizzoso
da “La Serva padrona”

Francesco Paolo Tosti (1846 – 1916)
Non t’amo più!

Giuseppe Verdi (1813 – 1901)
Stornello

Astor Piazzolla (1921 – 1992)
Libertango [fisarmonica sola]

Astor Piazzolla
Los pajaros perdidos
Yo Soy Maria (da Maria de Buenos Aires)

Erik Satie (1866 – 1925)
Je te veux
La Diva de L’Empire

LIANA MAERAN si è diplomata in canto con il massimo dei voti nel 1995 al Conservatorio “C.
Pollini” di Padova. Nel 2008 ha conseguito il Diploma Accademico in Didattica della Musica
presso il Conservatorio “Pedrollo” di Vicenza. Si è perfezionata con Nina Dorliak, Cristina
Miatello, Dalton Baldwin, François Ogéas, Marina D’Ambroso, Sergio Balestracci, Maria Luisa
Cioni e Sherman Lowe. Finalista nel 1996 del VIV Concorso Nazionale di musica vocale da
camera “Città di Conegliano”, ha effettuato un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero.
Ha eseguito canti etnici bosniaci e armeni nel récital teatrale di Daniela Nicosia “Nel nulla del
deserto, all’ombra del filo spinato”, vincitore del premio nazionale “E.I.P. Paola De Martino”
1998-99. Ha registrato la Passione di Gesù di Antonio Caldara con l’Ensemble Europa Galante
diretto da Fabio Biondi (Virgin Classic) e L’Oratorio di Natale op. 12 di Camille Saint-Saëns
diretto da Fabrizio Da Ros. Nel 2006 ha registrato un CD monografico su musiche di Antonio
Fiabane. Ha collaborato stabilmente con l’Athesis Chorus e Consort diretti da Filippo Maria
Bressan e con il Coro della Radiotelevisione Svizzera. In tale ambito ha lavorato sotto la
direzione di Franz Brüggen, Eliahu Inbal, Jeffrey Tate, Peter Maag, Carlo Maria Giulini nelle più
prestigiose sedi concertistiche italiane ed europee.

Ivano Battiston è riconosciuto come uno dei punti di riferimento della fisarmonica da concerto a livello mondiale. Salvatore di Gesualdo, musicista con il quale ha studiato per alcuni anni, lo ha definito come “punta di diamante” della sua Scuola.
Il suo vastissimo repertorio comprende i capisaldi della più importante letteratura fisarmonicistica solistica e da camera e il suo nome è regolarmente presente nei cartelloni delle più importanti Stagioni concertistiche, di Società di Concerti, Enti e Teatri storici oltre che nelle giurie dei più importanti concorsi internazionali (Klingenthal, Castelfidardo, Coupe Mondiale, ecc.).
Vincitore del XXVIII Trophée Mondial de l’Accordeon, ha conseguito i diplomi di fisarmonica (con il massimo dei voti, lode e menzione speciale di merito), fagotto, musica corale e direzione coro e collaborato con alcuni dei più importanti compositori della musica d’oggi (S.Gubaidulina, L. Berio, S. Sciarrino, G. Grisey, F. Nieder, F. Cerha, V. Globokar, B. Rettagliati, A. Magini, A. Talmelli, solo per citarne alcuni), eseguendo le loro più celebri composizioni per fisarmonica, alcune in prima assoluta, altre in prima italiana.
Battiston è noto anche come compositore: alcune sue opere vengono regolarmente suonate in Italia e all’estero e sono state premiate in diversi concorsi internazionali (Concorso Internazionale di Composizione Umoristica di Roma 1993; Concorso Internazionale PanAccordion 2000 di Oulu, Finlandia; Concorso di Composizione di Pontremoli 2001; Rassegna “Bio Boccosi” 2012), nonché pubblicate dalle case editrici Berben, Curci e Physa.
La sua fisarmonica è entrata, talora per la prima volta e sempre con grandi consensi di pubblico e di critica, presso importanti Istituzioni musicali: Sala Santa Cecilia di Roma; Sala Verdi e Teatro Dal Verme di Milano; Teatro San Carlo di Napoli; Associazione Musicale Lucchese; Festival Nuova Consonanza di Roma; Associazione Musicale Etnea; Sala Petrassi e Sala Sinopoli dell’Auditorium di Roma; Teatro Verdi, Teatro della Pergola e Amici della Musica di Firenze; Amici della Musica di Ancona; Teatro La Fenice di Venezia; Amici della Musica di Modena; Biennale Musica di Venezia; Teatro dell’Opera di Firenze; Accademia Chigiana di Siena; G.O.G. di Genova; Unione Musicale di Torino; Campus Internazionale di Musica di Latina, ecc.
Ha suonato in diverse occasioni per Raiuno, Raitre, Raicinque, RadioRai 3, Radio Vaticana, Radio Orff di Vienna, ecc.
Tra le sue molteplici collaborazioni in ambito cameristico spiccano quelle con il violoncellista Mario Brunello, con il mandolinista Avi Avital, con il trombettista Gabriele Cassone, con il flautista David Bellugi e più recentemente con la soprano Liana Maeran. Degna di nota anche la collaborazione con il poeta Franco Marcoaldi, con il quale ha tenuto una serie di letture concerto su testi dello stesso autore (“Il tempo ormai breve”, “La trappola”, “Amore non Amore”, “Il mondo sia lodato”, “Tutto qui” e, con la partecipazione del fotografo Ferdinando Scianna, “Di Bestie e di Animali”).
Come solista, ha suonato con l’Orchestra della Radiotelevisione Slovena di Ljubljana, I Solisti di Mosca di Yuri Bashmet, la “Quad City Symphony Orchestra” U.S.A., l’Orchestra Filarmonica e della RAI di Torino, l’Orchestra d’Archi Italiana, l’Orchestra Regionale Toscana, I Solisti Aquilani, le Orchestre “Milano Classica” e “Pomeriggi Musicali” di Milano, la Sinfonica di San Remo; inoltre, con l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini” e con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, in occasione dei concerti finali del Concorso Internazionale di Composizione “2 Agosto” (edizioni 2001, 2011 e 2017) e con l’Orchestra da Camera di Krasnojarsk, Russia, in occasione del festival Siberia – Italia (edizioni 2004, 2005, 2007 e 2011). Ha suonato, inoltre, con storici complessi italiani di musica contemporanea, tra i quali Ensemble Musica/Realtà e Contempoartensemble.
Nel 2019 ha costituito il Quintetto Italiano di Fisarmoniche, gruppo con cui ha inciso SEI di Alessandro Magini per EMA Vinci e avviato un’interessante attività concertistica e di ricerca musicale.
Nel 1992 ha fondato la classe di fisarmonica presso il Conservatorio Superiore di Musica “Luigi “Cherubini” di Firenze e svolge regolarmente masterclass in Italia e all’estero (Germania, Finlandia, Croazia, Albania, Serbia, Regno Unito, Russia e U.S.A). Dalla sua Scuola sono usciti tanti eccellenti musicisti, molti di questi a loro volta docenti di conservatorio, in Italia e all’estero, e affermati concertisti.
Ha inciso CD per Deutsche Grammophon, Warner Fonit, Velut Luna, Ema Records, Sargasso Records, Promo Music, Profil – Hanssler e Belumat Editrice.